COME LAVORARE IL VETRO

Affascinati dalle splendide vetrate colorate? Dalle storiche finestre delle Chiese gotiche ricche di lucenti colori fino ai celebri decori tipici dell'Art Decò; la magia della luce illumina lo spazio adiacente ad una vetrata artistica e invade la vista, riempie gli occhi di colori. Beatrice Morello, esperta artigiana del vetro, sarà nostra ospite per svelarvi i segreti di questa nobile arte, fornirvi guide pratiche per mettervi subito all'opera e per raccontare la storia e gli aneddoti che hanno fatto grande l'arte del vetro nel nostro Paese.

 

COMINCIAMO!

In questo nostro primo incontro vogliamo raccontare la nascita di un pannello legato a piombo, partendo dal disegno e passando attraverso le nozioni di base per poter essere in grado di intraprendere quella che potrebbe diventare una grande passione ma anche un occasione di lavoro concreta in uno dei numerosissimi laboratori di vetrate presenti nel nostro Paese e non solo.

 

1. MATERIALI E DISEGNO

Occorreranno attrezzi e materiali specifici, alcuni dei quali indispensabili. Per iniziare procuratevi un foglio di carta, cartoncino della stessa misura e della carta copiativa. 

Non complicatevi la vita: si può iniziare anche con una semplice sequenza di quadrati. 

Aggiungete al vostro disegno 6 mm  solo sul perimetro. Progettate in scala 1:1 (la grandezza reale del pannello definitivo). E' in questa fase che deciderete la sequenza di colori facendo attenzione al tipo di vetro che userete.

 

 

2. IL TAGLIO

Finito il disegno sovrapponete in sequenza: 

  • cartoncino
  • carta copiativa
  • disegno originale

Fermate con delle puntine da disegno o con scotch e ricalcate tutte le linee del vostro pannello identificando ogni singolo pezzo con un numero e il tipo di vetro che userete per quel pezzo. La copia su cartoncino va tagliata con delle speciali forbici a tre lame che lasceranno lo spazio necessario tra un pezzo di vetro e l'altro, utile allo spessore del piombo (1,8 mm). In alternativa potrete sovrapporre i vetri al disegno e tagliare direttamente; ma per iniziare l'uso delle dime mi sembra la scelta più adatta. 

 

3. PRONTI PER IL MONTAGGIO?

Mettete due liste di legno a 90° sui due lati del pannello. Iniziate a tagliare il piombo perimetrale e a "incastonare" i pezzi di vetro.

Il piombo ha una sezione ad H (lo troverete nei negozi specializzati, consiglio i piombi della stillemans) ne esistono di diverse misure, ma per il perimetro normalmente si usa quello da 10 mm mentre per le linee interne 5/6 mm.

Finito il montaggio procedete con la saldatura di tutti i punti di intersezione tra un piombo e l'altro.

Vi consiglio di usare il saldatore con la punta a tronco di cono della Weller.

Per una saldatura perfetta bisognerà allenarsi molto, usate lo stagno al 60% e cercate di essere rapidi nei movimenti per evitare che il piombo arrivi a fondersi. Naturalmente sulle zone da saldare dovrete prima mettere un po' di acido oleico o della stearina altrimenti lo stagno non si aggrapperà al piombo.

 

 

4. LO STUCCO

Capovolgete adesso il pannello e ripetete l'operazione anche su questo lato. Liberate la vostra piccola vetrata dai legni perimetrali e preparate lo stucco.

Ci sono diverse scuole di pensiero a riguardo ma in tanti anni di esperienza una combinazione vincente di elementi ci ha portato ad usare preferibilmente: gesso bianco finissimo, olio di lino cotto puro, nero fumo, indurente (io utilizzo il 626 della Maimeri) in quantità che adegueremo di volta in volta in funzione della grandezza della vetrata. Dovrà risultare un composto abbastanza fluido da poter essere distribuito con un pennello rigido sotto tutti i piombi.

Potrete usare come dosatore un vasetto di vetro dello yougurt:

  • mezzo vasetto di indurente 626
  • 1 vasetto di olio di lino cotto
  • un pizzico di nero fumo
  • gesso in quantità sufficiente a raggiungere la consistenza ideale

Tieni presente che deve somigliare alla consistenza della Nutella..

 

Procedete poi alla pulitura con la SEGATURA e delle spazzole di saggina su entrambi i lati e se necessario ripulite ancora con una spazzola morbida per rendere i piombi ancora più lucidi.

5. LAVORO FINITO

Ci siamo! Hai appena terminato la realizzazione di un pannello decorativo in vetro con legatura a piombo.

Come in tutti i lavori manuali, otterrai i risultati più gratificanti dopo esserti impegnato a provare più volte. E ti garantisco che quando raggiungi l'obiettivo è una grande soddisfazione sapere di averlo fatto con le tue mani e la tua passione.

Se sei motivato e hai modo di allenarti nel taglio del vetro, sappi che abbiamo in mente di coinvolgerti ancora con altre tecniche affascinanti, come la tecnica Tiffany e il mosaico.  

 

A cura di Beatrice Morello


ARTICOLI CORRELATI


COMMENTA ADESSO!

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Sandro (domenica, 27 gennaio 2013 13:18)

    Grazie mille delle preziose indicazioni.
    Mi invogliano a provare.
    Sandro.

  • #2

    MARIROSA RIZZI (mercoledì, 24 luglio 2013 20:57)

    Sono interessata alle varie tecniche di vetro fusione, Tiffany e mosaico. Gradirei sapere come e a chi rivolgermi per imparare. Grazie

  • #3

    giorgia (giovedì, 25 luglio 2013 09:29)

    Ciao Marirosa, sono Giorgia Palombi e scrivo gli articoli su questo sito riguardo al mosaico, puoi contattarmi via email (gpalombi.mosaico@gmail.com) se vuoi informazioni più specifiche, però ti avverto sono di Roma!:-)
    un Saluto
    Giorgia