RICICLARTI. Design da riciclo in mostra.

Immaginate una trottola, quell’antico gioco che incantava i bambini con il suo movimento danzante e con i suoi colori sfavillanti, e pensate poi al cestello di una vecchia lavatrice. Due mondi apparentemente lontani si uniscono invece in una lampada ideata da Angela Pozzetti. Un idea che nasce per recuperare oggetti in disuso e donare loro nuova linfa e nuove vesti. Questa è solo una delle tante creazioni esposte alla mostra RICICLARTI 2011- CANTIERE D’ARTE AMBIENTALE dal 26 Maggio al 26 Giugno a Padova.

 

Applausi per la cura e l’organizzazione dell’intera mostra curata da Marisa Merlin: 40 creativi selezionati con criterio su centinaia di candidati; una location perfettamente in tema con l’arte del riciclo se si pensa che sede dell’evento è l’Ex Macello di Padova, per l’occasione imbandita ad arte; ogni opera è stata studiata nella sua totalità per ricreare uno spazio che potesse ben accoglierla e mostrarla al vasto pubblico in sala; nulla passa inosservato e il rigore delle luci e lo studio dedicato all’allestimento di ogni spazio fanno sì che i protagonisti siano loro: le opere nella loro totalità.

 

Oltre a contenere le opere esposte, la mostra vuole essere luogo d'incontro e scambio sul tema del riuso. Al via allora laboratori e convention che mostrano come il rifiuto cambia significato e da oggetto da eliminare diventa materia prima da cui partire per realizzare un'opera d'arte.

L'iniziativa, giunta alla sua IV edizione, mira a sensibilizzare il problema uomo/ambiente tramite le più diversificate forme d'arte che vanno dalla pittura al cinema passando attraverso la scrittura, l'incisione, il fumetto e la fotografia.

Il tema del riciclo prende piede man mano nella quotidianità di tutti noi, dai grandi produttori di beni primari e non che producono i loro prodotti utilizzando come materia prima proprio il rifiuto, alla pattumiera di casa nostra che non è più costituita da un singolo secchio ma da almeno tre.

 

Anche l'arte, in questa epocale impresa di aiutare il nostro pianeta a “sporcarsi” di meno, risponde bene all'appello.